Blog Studio Rossin

Blog Studio Rossin

Nasce oggi “blog”, il nuovo spazio di dialogo interattivo di Studio Rossin. Affronteremo diverse tematiche legate al mondo dell’odontoiatria: parleremo di estetica, di igiene, di implantologia, di prevenzione e di tutto ciò che può essere di interesse per tutti!

Se avete domande o curiosità scriveteci a info@studiorossin.com, saremo lieti di rispondervi!

Uso del composito in odontoiatria

I compositi sono materiali utilizzati in campo odontoiatrico nell’ambito della conservativa, con lo scopo di ottenere otturazioni con buone caratteristiche non solo meccaniche ma anche estetiche. I compositi sono i materiali che hanno permesso un minore utilizzo dell’otturazione in amalgama: otturazione di colore metallico, costituita da una lega realizzata principalmente da Mercurio, Argento e Stagno.   Otturazione in composito Otturazione in amalgama   Questo tipo di materiale è ormai in disuso, ma presenta tuttora caratteristiche meccaniche ottime e l’argento contenuto ha proprietà antibatteriche. L’amalgama al giorno d’oggi è indicata solo in pochi casi clinici e l’OMS l’ha definita...

La nostra regola è avere cura dei nostri pazienti e metterli a proprio agio! La testimonianza di una nostra paziente.

Incontriamo oggi una paziente che il 27 marzo scorso ha fatto un intervento di implantologia presso il nostro studio. La paziente ha 63 anni ed è in cura presso Studio Rossin da gennaio di quest’anno.   Buongiorno signora, da quanto tempo è paziente di Studio Rossin? Da gennaio 2018. Sono venuta la prima volta per fare l’igiene dalla Dott.ssa Eleonora che peraltro già conoscevo … in più le mie figlie sono seguite dallo Studio per cui ho deciso di venire anche io.   Ha fatto un intervento di implantologia a marzo vero? Si … dall’igiene è emerso che era necessario rimuovere un ponte parzialmente infiltrato...

Cos’è lo scanner intraorale e quali sono i vantaggi per il paziente?

Lo scanner intraorale è uno strumento di ultima generazione che consente di rilevare le impronte dentarie digitalmente.     Composto da un semplice manipolo all’interno del quale sono contenuti i dispositivi di scannerizzazione, lo scanner intraorale è in grado di restituire in modo accurato, dettagliato e veloce (è infatti possibile scansire un’intera bocca in soli 5 minuti) tutte le informazioni necessarie per creare un modello 3D delle arcate dentarie. Anche se la strumentazione è composta da apparecchiature complesse, il suo utilizzo è molto semplice e intuitivo: è sufficiente infatti introdurre nella bocca del paziente l’estremità dello scanner e farla scorrere lungo le arcate...

Il piccolo Alessandro che va sempre volentieri dal Dottor Rossin!

Oggi incontriamo un piccolo paziente in cura presso la nostra struttura da circa 2 anni. Si chiama Alessandro, ha 7 anni e lo intervistiamo mentre sta aspettando che Annalisa, la nostra assistente, lo chiami per il suo primo appuntamento della giornata.   Buongiorno Alessandro, come stai? Ho saputo che hai ben 3 appuntamenti oggi? Bene grazie ... si si vero … oggi devo vedere il Dott. Rossin e il Dott. Fiorenza per controllare l’apparecchio e la Dott.ssa Irene per pulire i denti. Da quanto tempo vieni in Studio Rossin? Eh ... da un po’ ... 2 anni penso …   Il piccolo Alessandro alla poltrona con la...

Con gli occhi del paziente: la prima testimonianza

Incontriamo oggi una nostra paziente che cinque mesi fa ha fatto un complesso intervento di implantologia presso il nostro studio. Barbara ha 44 anni ed è in cura presso Studio Rossin da circa 2 anni.   Buongiorno Barbara, come è venuta a conoscenza di Studio Rossin? Grazie al passaparola ... un amico di Biella mi ha parlato del Dott. Rossin e della nuova struttura che stava creando e così ho deciso di fare una visita. Al tempo ero in cura a Milano e per motivi logistici stavo cercando una struttura a cui affidarmi per gli interventi che sapevo di dover fare....

CONOSCIAMO INSIEME LE FASI DELLA DENTIZIONE

  La parola dentizione indica il processo dinamico che porta all'eruzione in arcata degli elementi dentari. Fisiologicamente si assiste ad una prima dentizione, attraverso la quale si forma la dentatura decidua che dura fino ai 3 anni di età. Successivamente avviene una seconda dentizione, che porta al completamento della dentatura permanente che durerà tutta la vita. La formazione della dentizione decidua, come abbiamo detto, dura da 0 a 3 anni. Il gruppo dei “denti primari” è costituito da 20 denti, suddivisi in: 4 incisivi, 2 canini e 4 molari per ogni arcata. I denti da latte iniziano la loro formazione nell'utero entro...

Linee guida nazionali per la promozione della salute orale e la prevenzione delle patologie orali in età evolutiva: principali raccomandazioni per i genitori

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) la carie è una delle malattie croniche più diffuse in tutto il mondo. La realizzazione quindi di studi epidemiologici nazionali è fondamentale per monitorare lo stato di salute orale della popolazione. Nel 2013 il Ministero della Salute ha approvato un aggiornamento alle Linee guida nazionali per la promozione della salute orale e la prevenzione delle patologie orali in età evolutiva. (0-14 anni di età).     Elaborato in seguito alla pubblicazione di lavori scientifici internazionali, il documento ha riformulato nuove raccomandazioni in tema di malattia cariosa e gengiviti e rappresenta un atto di indirizzo per quanti sono...

Odontoiatria pediatrica: perché è importante prendersi cura dei denti da latte?

Molti genitori non sanno quando cominciare a portare il proprio bambino dal dentista. Si pensa infatti che, dal momento che i “denti da latte” sono destinati a cadere, non abbiano bisogno delle stesse cure dei denti permanenti e che sia pertanto una perdita di tempo e un inutile spreco di denaro!   È invece fondamentale prendersi cura anche dei denti decidui e iniziare a portare il bambino dal dentista a partire dai 4/5 anni e questo per diverse motivazioni: Digestione: una sana dentatura permette al bambino di triturare i cibi solidi e masticare agevolmente, dando inizio alla prima fase della digestione che...

TECNICA MINI-INVASIVA DEL RIALZO DEL SENO MASCELLARE PER TRANSALVEOLARE: vantaggi e possibili complicanze

In linea con la moderna odontoiatria, che mira a rendere le pratiche cliniche sempre meno traumatiche con l’obiettivo di preservare l’integrità della membrana del seno mascellare, sono state sviluppate nuove tecniche minimamente invasive. Una fra queste si basa sull’utilizzo di strumenti appositamente sviluppati per erodere in modo sicuro la corticale del pavimento e, al tempo stesso, per elevarne la membrana sinusale ed eseguire la rigenerazione ossea del seno mascellare. (vedi caso clinico “Riabilitazione implanto-protesica con tecnica mini-invasiva del rialzo del seno mascellare”)   Vantaggi L’obiettivo di tale tecnica è quella, in accordo con altre, di ridurre la morbilità postoperatoria del paziente, rappresentata da...